CentocelleToday

Occupazioni, dai bambini di Metropoliz la campagna per salvare la "città meticcia" dallo sgombero

Verrà lanciata anche una petizione: sarà possibile firmarla online o sabato 19 settembre nel corso di una giornata di eventi presso il 'museo-abitato'

“Io abito in un museo. Proteggi la città meticcia”. La scritta bianca, in corsivo, appare in sovrimpressione su immagini con i volti di bambini. Sguardi sorridenti, imbarazzati, alcuni concentrati, altri un po’ spavaldi di fronte alla macchina fotografica. Uno scatto al giorno. L’hashtag che ne accompagna la pubblicazione è #savemetropoliz. Ė la campagna lanciata sui social da Metropoliz-“città meticcia”, per usare le parole con le quali è stata ribattezzata dai suoi stessi residenti l’ex fabbrica Fiorucci di via Prenestina 913, abitata ormai dal 2009 da famiglie in disagio abitativo provenienti da diversi paesi del mondo. Un’occupazione abitativa che è anche un museo, il Museo dell’Altro e dell’Altrove, che negli anni si è fatto notare anche all’estero per le sue opere d’arte, soprattutto murales, molte delle quali portano la firma di artisti riconosciuti nel panorama internazionale.

La campagna culminerà sabato 19 settembre, con la chiamata ad essere presenti fisicamente al museo non solo per gli eventi in programma ma anche per firmare di persona una petizione in suo sostegno, intitolata 'Senza Metropoliz non è la mia città', anche se sarà possibile firmarla anche online a partire da sabato prossimo. “L'intreccio di relazioni, lo scambio culturale e la sperimentazione sociale che da oltre 10 anni animano l’ex fabbrica Fiorucci in via Prenestina 913, trasformandola nel bene pubblico Metropoliz- la nostra città meticcia- non possono essere sacrificati in nome e a vantaggio della proprietà privata”, si legge nella petizione. “Per questo intendiamo chiamare con decisione chi, in questi anni, ha sostenuto e attraversato a vario titolo questa esperienza a una corresponsabilità collettiva per fermare l'ingranaggio dello sgombero”.

A Metropoliz due città si contendono lo stesso suolo. Da un lato quella “meticcia”, casa per famiglie troppo povere per pagarsi un affitto e in attesa da anni di alloggi popolari, laboratorio sociale e culturale, museo-abitato apprezzato a livello internazionale, “spazio vivo e rigenerabile dai bisogni di chi la città la vive”. Dall’altra l’ex fabbrica dismessa da edificare e occupazione sotto sgombero sulla quale pesa una sentenza del Tribunale civile che ha riconosciuto al proprietario, la società Ca. Sa. srl, del gruppo Salini Impregilo, un risarcimento da 28 milioni di euro da parte dello Stato per non aver ‘liberato’ l’immobile.

Proprio per questo Metropoliz è tra le prime operazioni al vaglio del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si riunisce ormai da mesi periodicamente in prefettura. Dopo lo stop legato all’emergenza Coronavirus il nuovo prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, che a settembre 2018, da capo di gabinetto del ministero dell’Interno ai tempi di Matteo Salvini, aveva firmato la circolare che sollecitava i prefetti a velocizzare le procedure di sgombero, ha ripreso in mano il dossier. L’operazione in fase più avanzata è quella relativa all’immobile di viale Caravaggio, dove è già stato effettuato il censimento dei residenti e per la quale da mesi è in corso da parte delle istituzioni locali la ricerca delle alternative per le famiglie in emergenza abitativa, lontana dall'aver trovato soluzioni per tutti.

Subito dopo c’è la palazzina di via Tempesta, alla Marranella, nel V municipio, e l’ex fabbrica Metropoliz, a Tor Sapienza, sempre nel V municipio. I tempi, come spesso accade per queste operazioni, non sono ancora noti ma alla fine di agosto il delegato alla sicurezza della sindaca, Marco Cardilli, ha inviato al V municipio una lettera con la quale si richiede di effettuare il censimento dei residenti all’interno dei due stabili (in via Tempesta, in realtà, è stato già fatto). A Metropoliz vivono circa 200 persone, per una sessantina di famiglie in totale tra le quali, non a caso sono i testimonial della campagna in sua difesa, molti minori, circa 70.

“Come può Roma privarsi di questa sperimentazione senza immaginare di restare più povera culturalmente? Come può la città, in piena emergenza Covid, privarsi di uno spazio che ha garantito la tenuta sociale e sanitaria di centinaia di persone, assicurando in piena autonomia anche la continuità scolastica a decine di minori?”, si legge ancora nella petizione. “Siamo convinti che questo pezzo di città e di storia capitolina si collochi esattamente dentro le trasformazioni globali e dentro quelle che solcano questa metropoli”.  

Poi un appello alle istituzioni cittadine: “Il troppo spesso evocato, e troppo poco praticato, cambio di passo enunciato da chi amministra Roma si deve sostanziare in un passo in avanti determinato, in uno scarto impetuoso da parte del Comune e della Regione, delle istituzioni preposte alla salvaguardia dei beni comuni verso il riconoscimento dei bisogni delle comunità territoriali e di una idea di rigenerazione urbana come pratica di dignità e non come testa di ponte della gentrification e del profitto”. E alla proprietà alla quale, si legge ancora nella petizione, “chiediamo l'unico atto di alto profilo ora possibile: cedere alla collettività questi pochi ettari del suo immenso patrimonio, lasciando questo bene comune all'uso di quel mondo che lo abita, che lo disegna e lo attraversa continuamente, che ama perdercisi e crescerci dentro”.

In difesa di Metropoliz negli anni scorsi si era speso anche il vicesindaco Luca Bergamo che alla fine del 2016, nel corso di un sopralluogo nello stabile (era la prima volta per un rappresentante delle istituzioni), aveva affermato: “Le istituzioni culturali della città devono capire che una rete della cultura contemporanea a Roma non può non passare da questi luoghi”.

Tra il 2018 e il 2019 2018 l’ideatore e direttore artistico del Maam, Giorgio de Finis, ha diretto un’istituzione museale cittadina Macro di via Nizza, ribattezzato Macro Asilo, e presto sarà alla guida di un altro progetto culturale nato in seno alle istituzioni cittadine, il Museo delle periferie di Tor Bella Monaca. “Abbiamo voluto ricordare che il MAAM è un ‘museo abitato’ (il primo museo abitato del Pianeta Terra, anzi della Luna). E che molti degli abitanti di Metropoliz sono minori”, spiega de Finis in merito alla campagna. “Il museo è nato per proteggere la città meticcia e le famiglie che ci vivono. I bambini sono il futuro, e noi lottiamo perché questo esperimento di convivenza, autodeterminazione, generosità, un esperimento sociale a artistico che appartiene a tutta la città, non si interrompa a causa della violenza della finanza e della debolezza della politica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

4-9-12

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento