CentocelleToday

Centocelle: Piazza delle Camelie e quella targa ai caduti che affoga nel fango

Ad ogni pioggia il monumento ai caduti viene sommerso dall'acqua putrida e limacciosa della fontana. La figlia di una delle vittime: "Meglio rimuovere la targa che lasciarla in quel letamaio"

"Non posso accettare che il nome di mio padre e quello degli altri caduti per mano nazifascista, che pagarono con la loro vita la difesa degli ideali di libertà siano immersi nell’acqua putrida e stagnante di una fontana e per di più in un luogo dove Istituzioni Locali e Municipalità si palleggiano la competenza per la pulizia e la manutenzione". A parlare, in una lettera riportata dal quotidiano Abitarearoma.net, è Pina Renzi, figlia di Paolo, morto a Forte Bravetta sotto un plotone di esecuzione il 31 gennaio 1944.

Solo pochi anni fa il nome di Paolo è stato impresso nella pietra insieme a quello di altre diciannove vittime del nazifascismo, ricordate in un un monumento eretto in Piazza delle Camelie. Come spesso accade però il nostro Paese, e nella fattispecie il Comune di Roma, non è stato in grado di onorare quella promessa fatta ai familiari delle vittime.



Già il 13 novembre scorso su questo giornale segnalavamo il degrado della fontana e l’umiliazione a cui veniva sottoposto quel monumento sommerso ad ogni pioggia da melma e acqua limacciosa. Negli ultimi tempi, per fortuna, qualcosa si è mosso. L’Anpi ha infatti ottenuto l’impegno da parte dell’Assessore all’Ambiente Giulia Pietroletti di restituire alla lapide il decoro che merita.

Ad oggi la manutenzione della piazza è infatti ferma al palo a causa dei soliti conflitti di competenze che vedono Servizio Giardini, Ama e Municipio rimpallarsi  le competenze in uno scaricabarile infinito. I membri dell’Anpi chiedono tuttavia un impegno davvero minimo: la pulizia della piazza e della lapide con cadenza settimanale, una sistemazione decorosa del monumento e l’eliminazione della fontana per far posto ad una grande fioriera. Nella sua lettera Pina Renzi avverte il Municipio: "Se la mia denuncia non verrà presa in considerazione mi vedrò costretta alla rimozione della targa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento