CentocelleToday

Centro Carni: riprende l'attività, ma lo scontro tra Comune e operatori resta

Il Comune ritira la delibera relativa alla sospensione dell'attività di macellazione. Secondo l'avvocatura è stato ritirato il ricorso. Per gli operatori invece il Comune non voleva rischiare in aula

centro_carni_200_x_120Al Centro Carni sulla Togliatti si torna a macellare carne. Infatti, dopo la delibera della giunta comunale capitolina che, il 7 luglio scorso, ordinò la sospensione dell'attività a decorrere dal primo agosto e il ricorso degli operatori, l'avvocatura del Campidoglio ha deciso di ritirare la delibera, sostenendo che "negli ultimi giorni si è registrato un aumento dei capi macellati" fatto che implicava la non necessità della delibera di sospensione.

E' stata l'avvocatura comunale a depositare oggi davanti alla II sezione del Tar, presieduta da Luigi Tosti, una determinazione del 9 settembre scorso con la quale il Dipartimento attività economico-produttive del Campidoglio ha comunicato a tutti gli operatori interessati la ripresa con decorrenza immediata dell'attività di macellazione

Preso atto di ciò, i dieci ricorrenti, secondo l'avvocatura comunale, hanno rinunciato alle loro richieste. I giudici, quindi, emetteranno una sentenza con la quale dichiareranno la "cessata materia del contendere".

L'amministrazione capitolina ha ripristinato l'attività di macellazione, dopo aver considerato che "la decisione di procedere alla sospensione - si legge nel provvedimento depositato oggi dall'avvocatura comunale al Tar - è stata dettata soprattutto dalla riscontrata diminuzione dei capi macellati", che "negli ultimi giorni si è registrato un parziale incremento dei capi di bestiame da macellare ed è possibile che tale inversione di tendenza si consolidi nel futuro", nonché che "le modalità operative, approvate per far fronte alla ridotta attività di macellazione ordinaria nel corso del periodo estivo, hanno comportato non poche difficoltà soprattutto nei rapporti con gli operatori commerciali che appaiono in controtendenza rispetto al riscontrato incremento dei capi di bestiame da macellare".

Il comune di Roma ha quindi valutato come opportuno ripristinare l'attività di macellazione al "fermo restando comuque la costante periodica verifica dei flussi di macellazione stessa e la disponibilità delle risorse economiche necessarie per sostenere i costi di tale attività".

Sul quotidiano Il Tempo però Michele Baldi, leader del Movimento per Roma contesta questa versione dei fatti: "Alemanno e i suoi collaboratori fanno il gioco delle tre carte. La verità è che il Comune si è ritirato per arrivare a una non discussione che lo avrebbe seppellito sotto una montagna di considerazioni giuridiche inoppugnabili e costretto a pagare i danni".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento