CentocelleToday

Via Tor de' Schiavi è pericolosa: al via il progetto di riqualificazione

Annunciato in commissione mobilità, il progetto "garantirà più ordine e meno traffico". Nelle prossime settimane incontri con i cittadini

Via Tor de Schiavi è pericolosa, stiamo lavorando alla riqualificazione dell’area”. L’annuncio arrivo da Enrico Stefàno, presidente della commissione mobilità del Comune di Roma che attraverso la pagina Facebook presenta l’idea di progetto per l’asse viario da piazza delle Gardenie fino al primo tratto di via della Serenissima. Il programma è stato presentato anche in commissione mobilità nella giornata di venerdì.

Via Tor de’ Schiavi: pericolosa e con poca visibilità

In poco più di un anno, via Tor de’ Schiavi è stato teatro di 61 incidenti: “Una strada pericolosa perché la sosta a spina al centro della carreggiata significa poca visibilità, veicoli che si immettono all'improvviso e in retromarcia sulla sede stradale, pedoni che attraversano in qualsiasi punto della strada – ha detto Stefàno –chi aspetta un autobus lo fa in mezzo alla strada perché la fermata è invasa dalle auto in sosta irregolare. Chi abita a via Tor De Schiavi soffre delle vibrazioni e delle emissioni degli autobus, che viaggiano al lato della strada in prossimità delle abitazioni. Ancora caos e lo smog”. 

Ecco cosa prevede il progetto di riqualificazione dell'asse 

Per far fronte a queste criticità la commissione mobilità del Comune di Roma sta lavorando a un progetto di riqualificazione che tenga conto delle esigenze dei cittadini e dell’aspetto strutturale dell’area. La riqualificazione riguarda tutto l'asse da piazza delle Gardenie fino al primo tratto di viale della Serenissima in prossimità dell'incrocio con via della Venezia Giulia. “Spazio quindi al centro per una corsia riservata e protetta per gli autobus (sono tantissime le linee che transitano in questo asse: 542, 543, 544, 548, 412, 213 ecc). Ai lati valuteremo se inserire la sosta a spina o la sosta in linea più una bike lane. Questo significherà più ordine, meno traffico e smog, meno incidenti stradali, migliore qualità della vita, rivitalizzazione delle attività commerciali, aumento dei valori immobiliari” ha annunciato Stefano. 

Diminuiscono i posti auto

“Il prezzo? Il sacrificio di qualche posto auto in una zona dove comunque l'offerta di TPL non manca: nel raggio di un km: MetroC, MetroB, FL2, Roma Giardinetti (che sarà interessata da una profondo ammodernamento e rilancio), tre linee tram (5-14-19) e ovviamente gli autobus di cui sopra che gioveranno di un netto miglioramento delle frequenze grazie a questo progetto” ha concluso Stefàno preannunciando già il coinvolgimento dei cittadini nelle prossime settimane. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento