CentocelleToday

A Centocelle l'installazione anti-Salvini: decine di braccia 'affogano' sull'asfalto

Il collettivo 'Arte resistente': "Nell'indifferenza muore la nostra umanità"

"Nell'indifferenza muore la nostra umanità. Nella paura annega la nostra solidarietà. Il nostro naufragar c'è dolce in questi mare?". E' questo il messaggio che da questa mattina abitanti di Centocelle e passanti leggono passando in piazza dei Mirti. L'installazione porta la firma del collettivo 'Arte resistente': decine di mani che emergono dall'asfalto, come fosse il mare. Mani di cartone su bottiglie di plastica, braccia vestite e rette verso il cielo come in un ultimo sussulto di chi tenta di sfuggire alle profonditá. 

Le 'Mani che affogano' rientra nell'opera itinerante 'Mediterraneo' che il collettivo ha fatto nascere come forma di opposizione alle politiche del ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Una vera e propria 'installazione politica', nata in Abruzzo con l'obiettivo che possa però moltiplicarsi in tutta Italia, tanto che sulla pagina Facebook di 'Arte resistente' è stato pubblicato anche un video tutorial per spiegare come replicare le 'Mani che affogano'.  

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Nubifragio a Roma e provincia: disagi in città, allagata la via Appia

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 24 e domenica 25 agosto

Torna su
RomaToday è in caricamento