CentocelleToday

Impronte digitali ai dirigenti scolastici, da una scuola del Collatino una lettera alla ministra Bongiorno

A scrivere la dirigente dell'istituto comprensivo Valente, Rosamaria Lauricella Ninotta

Arriva da una scuola dal Collatino l'ultimo attacco alla proposta della ministra della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, di raccogliere le impronte digitali dei dirigenti scolastici quale misura contro l'assenteismo. "Concordo nel ritenere indispensabile che, per ragioni di sicurezza, vengano controllate le persone che entrano in una scuola, dove sono presenti soprattutto minori. A questo punto, allora, il controllo dovrebbe essere effettuato su tutti gli adulti che, a vario titolo, accedono negli ambienti scolastici", scrive Rosamaria Lauricella Ninotta, dirigente dell'istituto comprensivo Valente di viale Giovanni Battista Valente, in una lettera indirizzata proprio alla ministra.

"Se per Lei è necessario controllare l'operato dei dirigenti scolastici attraverso degli apparecchi optometrici per verificare e valutare come destiniamo il nostro tempo, lo faccia tranquillamente - prosegue la dirigente - Le chiedo soltanto di accettare il mio invito a passare qualche giornata al mio fianco, a scuola, per constatare personalmente come l'impegno lavorativo di un preside non abbia un orario di inizio e un'ora di fine stabiliti con precisione. E, soprattutto, come il nostro lavoro non preveda mai uno stacco, né mentale né, tantomeno, di incombenze".

Per la dirigente dell'istituto romano, sono "numerosi, ormai, i pomeriggi domenicali trascorsi a scrivere relazioni e pianificare gli innumerevoli impegni settimanali". Da qui la domanda: "Come farò a dimostrare a Lei tutto il tempo trascorso fra le mura domestiche lavorando per l'istituzione Scuola? Mi creda- continua la preside- noi non ci disconnettiamo mai e le nostre responsabilità sono senza soluzione di continuità. Domani sarà un altro giorno di faticoso ma coinvolgente lavoro, nel quale mi tufferò con passione, impegno, dedizione e spirito di servizio, valori che non mi stancherò, mai, di cercare di trasmettere".

Poi conclude così la lettera: "Con forza e coscienza, continuerò a cercare di lasciare, nella comunità scolastica che dirigo, personale docente e non, alunni e famiglie, un'impronta spero molto più importante di quella digitale. Quella di un messaggio di entusiasmo, di vitalità, di serenità, di onestà, di rispetto e di lealtà, nonché di inclusione ed accoglienza verso ogni forma di disagio o difficoltà". 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • "Aperti per ferie", l'estate del Mercato Contadino Castelli Romani

I più letti della settimana

  • La figlia non risponde al telefono da due giorni, chiamano i carabinieri e la trovano morta

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Autobus in fiamme a piazza Cantù. I testimoni "Abbiamo sentito due esplosioni"

Torna su
RomaToday è in caricamento